Star Wars VIII – Gli Ultimi Jedi

Diciamocelo, Star Wars sta prendendo una piega, almeno per me (che sono un’amante del genere) per niente positiva, ma tento comunque di mantenere un ragionevole senso critico per un prodotto cinematografico che alla fine non può e non deve essere banalizzato in maniera così superficiale.

Il film, a differenza dell’episodio VII, per fortuna, è costruito su una trama nuova e quindi si dimostra godibile al pubblico, ma questa “nuova” trama risulta piuttosto arida e senza concretezza soprattutto agli occhi degli appassionati delle vecchie trilogie.
L’unica giustificazione che posso attribuirvi è che si tratta di una nuova trilogia partorita da una nuova generazione cinematografica, che si distacca dalle basi di George Lucas e vuole in maniera quasi ostinata creare qualcosa di nuovo e “sovversivo”, che non piace sicuramente ai veterani di Star Wars, ma che probabilmente può attirare l’attenzione di giovani adepti che iniziano il cammino verso la Forza con questi nuovi episodi.

Trama:
Il film si sviluppa su 3 filoni narrativi intrecciati tra loro.
Rey che tenta di convincere un ostinato non più Giovane Skywalker ad unirsi alla Resistenza.
La Resistenza (capitanata da Leia Organa) che tenta di sopravvivere agli attacchi distruttivi del Primo Ordine.
Kylo Ren e Snoke che tentano di convertire Rey e catturare Luke Skywalker, così da poter distruggere una volta per tutte la Resistenza e conquistare e sottomettere la Galassia.

Niente di più semplice.
I cattivi sono sempre cattivi, i buoni sono sempre buoni e questa eterna lotta tra Bene e Male, sappiamo bene che non finirà mai.
Le note di questa sinfonia cinematografica sono molteplici, alcune melodiose altre, troppe, gracchianti e stonate.

Il film ha sicuramente i suoi lati positivi, ma, secondo me, è una godibile accozzaglia di elementi che tenta di rovesciare malamente l’ordine perfetto creato da George Lucas.
Il Bene e quindi la Forza è messa di nuovo in discussione, ed è messa in discussione anche dallo stesso Luke, che è cambiato dopo un profondo fallimento che ha comportato lo sviluppo di Kylo Ren.
Skywalker polemizza la caratteristica elitaria dei Jedi e quindi della Forza in maniera del tutto incoerente con il personaggio che abbiamo conosciuto negli episodi precedenti.
È un Luke stanco, affranto, che si chiude alla Forza con ostinazione e sarà necessaria per l’ennesima volta la saggezza di Yoda (che guarda caso appare proprio nel momento del bisogno) per riportarlo con i piedi per terra e per fargli riconoscere che la Forza non deve essere abbandonata bensì incoraggiata, seguendo anche strade alternative, decretando l’inizio di una nuova generazione di Jedi.
Passiamo poi al drammatico contatto tra Rey e Kylo Ren che tenta un’apertura filosofica e un’introspezione psicologica dei personaggi, ma che in realtà sembra semplicemente il lamento di due indecisi cronici, infantili che un po’ si piacciono e un po’ non si piacciono ma che soprattutto non sanno da che parte sbattere la testa.
Per non parlare delle situazioni quotidiane mondiali racchiuse in un solo piccolo pianeta: Cantonica.
Il pianeta pullula di ricconi, finanziatori di guerre, sfruttatori e giocatori d’azzardo.
Insomma tutta la ricca feccia dell’umanità racchiusa in un unico pianeta, attraverso il quale produzione e regia tentano una sterile critica non così tacita alle ingiustizie mondiali.
Per non parlare della dose di ironia troppo marcata rispetto alla filosofia di George Lucas, ma ricordiamo sempre che stiamo davanti ad un prodotto Disney e quindi strutturato per famiglie e bambini, che si allontana necessariamente da tutto il sistema di Star Wars.
Quindi, malgrado la fluidità narrativa, lo spirito femminista che offre ruoli di grande forza e potere ad ogni personaggio femminile e gli aspetti filosofici e psicologici affrontati, il film risulta, a mio avviso, piacevole, ma purtroppo incoerente e inconsistente e quindi non all’altezza dei precedenti.

Voto: 6

Annunci

Un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...